Famiglie più ottimiste e disposte a spendere. Ma il Codacons: cautela, verso il rialzo dei prezzi delle case

Famiglie più ottimiste e disposte a spendere. Ma il Codacons: cautela, verso il rialzo dei prezzi delle case

Le famiglie italiane, dopo l’estate, hanno ripreso ad avere fiducia nell’economia e sono tornate a voler spendere di più anche se queste ultime settimane la crescita dei prezzi e la risalita dei contagi potrebbe aver, almeno in parte, eroso questa attitudine.

Dalle indagini della Banca d’Italia, realizzate a inizio settembre e diffuse nella Nota Covid, si registra, per la prima volta dall’inizio della pandemia, una prevalenza degli ottimisti sui pessimisti nel campione di 2000 nuclei, seppure con una maggiore cautela alla spesa fra le famiglie meno abbienti.

Per il Codacons si tratta di un’indagine oramai datata («superata e inattuale») visto che negli ultimi due mesi le tensioni sui prezzi a livello mondiale e italiano hanno fatto schizzare verso l’alto i prezzi dell’energia e stanno provocando anche dei rincari sui prodotti finali. Per l’associazione gli aumenti «avranno effetti sui consumi degli italiani, che reagiranno alla perdita di potere d’acquisto tagliando proprio la spesa». Una tensione sui prezzi che per le banche centrali resta «temporanea» e dovuta alle strozzature del commercio e produzioni mondiali post pandemia ma che, almeno per il momento, sembrano non avere ripercussioni sulla ripresa. I rialzi dovrebbero essere riassorbiti nel corso dei mesi successivi quando la situazione si normalizzerà, è la loro tesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA