Pizze e panettoni, vince Bergamo La critica premia il mago dei lieviti
Alessio Rovetta

Pizze e panettoni, vince Bergamo
La critica premia il mago dei lieviti

Lo chiamano il «mago dei lieviti» e proprio grazie a questa sua abilità, nell’anno appena concluso si è conquistato nel giro di tre mesi due ambitissimi premi: il primo dalla guida «Pizzerie d’Italia» del Gambero Rosso, che gli ha assegnato i «due spicchi» che per gli addetti del settore equivalgono un po’ alle due stelle Michelin e il secondo la «corona radiosa», massimo riconoscimento della «Guida Gatti Massobrio».

Ma lui, Alessio Rovetta, 36 anni, tra gli alfieri della nuova generazione di pizzaioli bergamaschi che insieme a Ian Spampatti è destinato a far ancora molto parlare di sé, pur gradendoli molto, non si fa condizionare dai riconoscimenti. Il suo locale, ai Sette Ponti di Cenate Sopra, è sì una degli approdi più gettonati per degustare pizze gourmet (lui ama più la definizione di «pizze contemporanee»), ma Alessio preferisce definirlo un «luogo di sperimentazione», se non addirittura un vero e proprio laboratorio, di idee e di prodotti sempre nuovi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA