Scaglia: «Ripresa non prima del 2023 Creare lavoro per i giovani  è la priorità»
Stefano Scaglia

Scaglia: «Ripresa non prima del 2023
Creare lavoro per i giovani è la priorità»

Stefano Scaglia, presidente di Confindustria Bergamo: stiamo ancora vivendo un evento eccezionale. «Export, quest’anno torneremo ai livelli di 10 anni fa ma l’economia bergamasca sta reagendo meglio di altre».

L’uscita vera dal tunnel «solo nel 2023 quando recupereremo i numeri dell’export». Nel mezzo due anni di traversata nel deserto, o quasi, per superare la quale sarà necessario ritrovare «la fiducia che ora manca a imprenditori e famiglie e che bloccano consumi e investimenti». Poi, un pensiero particolare ai giovani «cui andrà riservata un’attenzione speciale, sono quelli che rischiano di pagare di più le consegue di questa crisi». Stefano Scaglia, 59 anni, presidente di Confindustria Bergamo al termine dell’«anno horribilis» per il Covid-19, detta l’agenda per i prossimi mesi quelli - dice - «che daranno la direzione per la ripartenza».

Presidente, quando ci siamo visti un anno fa, parlava di scelte strategiche da fare, di uno stato di salute dell’industria orobica che guardava con fiducia al futuro. Sembra passata un’era geologica.
«Altroché, abbiamo vissuto, anzi stiamo ancora vivendo un evento che ha travolto le nostre vite, ha cambiato la nostra economia, ci ha messo a dura prova a livello personale. Anche le risposte per ritornare alla normalità dovranno essere per forza eccezionali».

© RIPRODUZIONE RISERVATA