Boom Referendum
Assenze e rischi

Grazie alla possibilità della sottoscrizione telematica, prende corpo una stagione della democrazia che prevede, presumibilmente come non episodici, inserti di democrazia cosiddetta diretta, mediante i referendum previsti dalla Costituzione. Contestualmente, è ripartita, da destra e da sinistra, la critica a questo strumento, accompagnata dalla proposta di renderne più difficile l’attivazione (elevando ad esempio il numero di firme necessarie). Per la richiesta referendaria, i costituenti hanno scelto una cifra fissa (la sottoscrizione di 500.000 cittadini), non una percentuale, ritenendo questa cifra indicativa di un consenso sufficientemente ampio da meritare un seguito.

Boom Referendum Assenze e rischi

Ciò non toglie che il numero possa essere elevato con revisione costituzionale. Non ci pare invece condivisibile la critica mossa alla deresponsabilizzazione che la firma telematica produrrebbe rispetto a quella apposta ai banchetti o in Comune. Il processo alle intenzioni sulla serietà delle sottoscrizioni potrebbe farsi sempre ed è argomento che degrada e offende il cittadino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA