È la disumanità che circonda la morte il vero tema da affrontare

È la disumanità che circonda la morte
il vero tema da affrontare

Bisognerebbe tornare a dare più valore alle parole non solo sul piano sintattico, ma anche su quello semantico. Eutanasia e suicidio non definiscono solo una nozione e quindi un’azione, ma indicano nel loro significato simbolico un orizzonte di relazioni che ne determinano l’interpretazione profonda.

Il significato delle due parole non sta dunque nell’esito dell’azione, ma nelle sue motivazioni. Nel caso del malato quasi sempre la domanda di eutanasia o di suicidio assistito è dettata dall’abbandono sociale e terapeutico. È difficile morire da soli. Se invece attorno al malato si organizzasse una rete di affetti e nella società si cominciasse a ragionare del diritto non solo ad essere curati, ma anche accompagnati, le perversioni insidiose dei significati verrebbero disperse.

Ma cambiare il piano della discussione non è facile. Così il suicidio assistito diventa certificazione di modernità, soluzione burocratica per rendere meno sconvolgente una sconfitta per tutti. Il suicidio, qualunque suicidio in qualunque forma, è una sconfitta per l’intera società, che non sa offrire più motivazioni per vivere. Quando uno si uccide il dolore dovrebbe essere collettivo. Il professor Francesco D’Agostino, uno dei componenti del Comitato di Bioetica ad aver votato contro il parere riguardo al suicidio assistito, nelle motivazioni della sua decisione, pubblicate come «postilla», cita Albert Camus, lo scrittore francese premio Nobel che indagò con le parole la coscienza umana, il quale riteneva che esistesse un solo problema filosofico veramente serio, quello appunto del suicidio. Ma sui suicidi non si discute quasi mai, fanno scalpore quelli vip, finiscono nell’oblio tutti gli altri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA