Fraternità e coesione L’antidoto di Francesco per salvare l’Europa

Fraternità e coesione
L’antidoto di Francesco
per salvare l’Europa

A venti giorni dalle elezioni europee più importanti nella storia dell’Unione Papa Francesco ha deciso di viaggiare sul confine meridionale per lanciare un messaggio preciso, senza sottovalutare difficoltà e incognite. Bergoglio ha detto in pratica che l’Europa è indispensabile, unica opportunità per stare insieme agli altri e non contro gli altri, insomma per imparare e implementare la fraternità che nasce dalla ricchezza delle diversità dei popoli, delle culture e delle religioni. Fraternità è la vera parola del cambiamento del continente.

Ma è anche una parola impegnativa, a volte troppo perché comporta processi inediti, che mettono da parte odio e rancore, beni invece che si trovano dappertutto e a buon mercato. Così nel corso della storia solo libertà e uguaglianza sono diventate le parole chiave di ogni cambiamento, ma la fraternità è finita nell’oblio.

È la collera che nella macchina ideologica del consenso giacobino o moderato stimola le trasformazioni e le novità ed è sul furore e la rabbia che oggi si punta per correggere, migliorare, riformare. Per la fraternità non c’è posto, vocabolo indecente nell’Europa degli egoismi. La fraternità assicura la certezza che un altro mondo è possibile e per questo va sbaragliata. Tra Bulgaria e Macedonia del Nord il Papa ha citato più volte il documento di Abu Dhabi dove la fraternità costituisce il centro del nuovo umanesimo globale, e l’ha indicata come unico strumento per cambiare l’Europa. Oggi per l’Unione non è un momento felice. Si preferisce parlare di anomalie e credere che coesione, solidarietà e cooperazione siano zavorre che danneggiano Stati e popoli. Bergoglio non ci sta e ha scelto di andare a dirlo sui confini di quel Gruppo di Visegrad che vuole far diventare l’Europa una sorta di lobby transazionale dove ognuno può negoziare i propri affari, per avere più libertà e uguaglianza a casa propria e meno fraternità a livello globale. Ha osato auspicare la «stretta integrazione dei Balcani» in Europa, idea che forse avrebbe evitato trent’anni fa la guerra con decine di migliaia di morti e milioni di profughi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA