I vandalismi dei ragazzini. Serve la buona socialità alla luce del sole
Rifiuti abbandonati all’interno del polo scolastico di Chignolo d’Isola qualche giorno fa

I vandalismi dei ragazzini. Serve la buona socialità alla luce del sole

«Mi chiedo perché si comportino così». Nel commento sconsolato di Lucio De Luca, sindaco di Azzano San Paolo oltre che vicepresidente dell’Anci regionale, si riassume tutto lo sconcerto per il ripetersi a catena di episodi di vandalismo ad opera di ragazzini in tutto il territorio della provincia. Quasi mille denunce in tre mesi, per un fenomeno diffuso che non risparmia nessun paese. Le dinamiche si ripetono quasi in fotocopia: attacchi a luoghi pubblici lontani da occhi indiscreti (per questo i parchi di notte sono gli obiettivi più frequenti), vandalismi alla cieca, abbandono di rifiuti.

Sono gesti che vanno a colpire «beni di tutti», di cui con ogni probabilità gli stessi responsabili di questi atti scriteriati hanno usufruito fino al giorno prima. Davvero difficile capire perché si comportino così. Ed è pure difficile abbozzare qualche analisi sociologica per un fenomeno che non esprime nessuna voce o ragione, che non mira a nessun obiettivo calcolato, ma sceglie l’obiettivo più facile e a portata di mano. Quanto ai rischi sono sempre minimi, perché la minore età è sempre un bello scudo di impunità.

A voler cercare qualche logica dietro il ripetersi di questi gesti, si può sottolineare come il fattore costante sia l’agire in gruppi: i vandalismi rappresentano il linguaggio selvaggio attraverso il quale si esprime questo stare in insieme, magari come reazione all’isolamento forzato subito nelle lunghe settimane del lockdown. È una forma di affermazione del proprio «esserci», dopo l’isolamento e in tanti casi l’apatia della costrizione casalinga. Lo stare insieme scatena istinti di ribellione che per mesi sono stati forzatamente «ingabbiati» e che emergono come fattore comune nel momento in cui ci si trova di nuovo in gruppo. Non so se questa possa essere una fragile e parzialissima motivazione di quanto sta accadendo, certamente si tratta di una questione che merita un approfondimento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA