Presidenziali Usa Tra over 70 e tecnologia
Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump

Presidenziali Usa
Tra over 70 e tecnologia

Mentre ai 65enni in Italia si sconsiglia di uscire, in America chi ha i capelli bianchi ha trovato il Paese del riscatto. Nella corsa alla Casa Bianca sembra imporsi un non scritto: vietato ai minori anni settanta. Donald Trump, l’attuale padrone di casa, non li cita mai, ma i suoi 73 anni li ha tutti. Chi gli sta gettando il guanto di sfida non è da meno: Bernie Sanders 78 anni a settembre, Joe Biden 77, Elisabeth Warren 70. Mike Bloomberg, il magnate di Manhattan già sindaco di successo di New York, ne ha 78. Poi ci sono gli altri, tutti tranquillamente eclissati.

La corsa finale per la candidatura democratica alla presidenza degli Stati Uniti sarà quindi una partita a poker al circolo degli anziani. Eppure l’America non è così vecchia. Gli over 65 sono il 15,2% contro il 22,8% dell’Italia a testimonianza che i giovani al di là dell’Atlantico ci sono. Ma gli Stati Uniti non sono l’idillio dell’immaginifico italiano. Per essere primi nella ricerca, nell’università, nelle opportunità, nella forza economica, nel controllo egemonico dei dati, la selezione è forte e per i perdenti lo spazio si restringe.

Secondo i dati del Fondo monetario internazionale si crea un disagio esistenziale che contribuisce ad accrescere il tasso di suicidi e l’overdose di farmaci. Per non parlare delle stragi di massa che ormai segnano con cadenza periodica la cronaca americana. I prezzi delle cure in assenza di un sistema sanitario universale inducono un americano su tre a non farsi curare adeguatamente: circa il 10% della popolazione è sprovvisto di un’assicurazione sanitaria, il doppio rispetto a dieci anni fa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA