Vaccinazioni per ripartire con il lavoro e le attività

Vaccinazioni per ripartire
con il lavoro e le attività

La pandemia ha innescato una crisi violenta nelle nostre vite invitandoci a riflettere sulla nostra relazione con il mondo e nel mondo. La pandemia non è un fenomeno individuale, non riguarda solo il singolo, ma ci richiama al nostro essere fortemente interdipendenti dal punto di vista economico, politico, sociale, sanitario. Questo momento storico, senza precedenti, ci invita ad uscire dall’individualismo, ad unire le nostre forze e a cooperare, confidando nell’aiuto reciproco con responsabilità personale. La campagna di vaccinazione rimane l’unico strumento che ci

può permettere di tornare ad una vita di relazioni superando distanziamento e divieti. Non deve essere occasione di scontro e tifoserie, dobbiamo favorire un dialogo che crei un consenso favorevole verso la vaccinazione, senza giudicare, comprendendo le ragioni delle paure e delle fragilità umane. Ad oggi la legislazione non obbliga la generalità dei lavoratori e lavoratrici a sottoporsi a vaccinazione. Dove non vi è sorveglianza sanitaria specifica il datore di lavoro non è tenuto a controlli specifici, può proporre su base volontaria il vaccino, come già si fa in alcune aziende con il vaccino dell’influenza.

Un problema diverso si pone per chi svolge, invece, la propria attività nei servizi di assistenza e di cura dove non si deve salvaguardare solo la salute di chi opera, ma anche e soprattutto dei pazienti/degenti; in questo caso noi sosteniamo la necessità di vaccinazioni e in questo senso anche il governo centrale sta predisponendo una norma di legge dedicata. Oltre agli obblighi, credo che oggi ognuno di noi sia chiamato a valutare con la propria coscienza, con le proprie paure e perplessità, con la consapevolezza che la storia degli uomini ha già affrontato pandemie. Riconoscendo che anche la scienza continua ad evolversi e a migliorarsi e che dobbiamo avere fiducia in essa perché non esiste alternativa più efficace e sicura al metodo scientifico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA