«Così ho salvato padre e figlio colpiti dal fulmine»

Soverato. Parla il vicino di ombrellone della famiglia di Stezzano. Il cognato di Francesco: «Raggiunti mentre stavano lasciando la spiaggia».

«Così ho salvato padre e figlio colpiti dal fulmine»
L’ospedale «Pugliese Ciaccio» di Catanzaro dove Francesco si trova ricoverato in rianimazione

Restano gravi e stazionarie le condizioni del giovane papà di 32 anni, residente a Stezzano , che nella giornata di lunedì 8 agosto è stato colpito da un fulmine mentre si trovava assieme alla moglie, al figlio di quattro anni e alla suocera in spiaggia a Soverato, Calabria , paese d’origine della famiglia che ogni anno raggiungono per le vacanze estive.

© RIPRODUZIONE RISERVATA