Prima la sclerosi multipla, ora il tumore. «Resto positiva. Arma segreta? L’amore»

Una vita segnata dagli imprevisti non ha fermato la forza straordinaria di Chiara Baldelli, mamma di Treviolo. Ecco la sua storia.

Prima la sclerosi multipla, ora il tumore. «Resto positiva. Arma segreta? L’amore»
Chiara Baldelli con il marito Lorenzo e il figlio Edoardo

Che cosa succede a un’auto in corsa se finisce di colpo la benzina? Chiara Baldelli, di Treviolo, si è sentita così quando le hanno diagnosticato la sclerosi multipla 18 anni fa, nel 2004, quando ne aveva 31. «Avevo appena ottenuto un ruolo di responsabilità sul lavoro - racconta -. Mi occupavo di formazione e risorse umane in una multinazionale con altri ottomila dipendenti. Stavo conducendo un corso in aula davanti a numerosi colleghi e ho avuto un improvviso calo della vista. Un momento prima era tutto normale, subito dopo ero immersa nel buio. Sono caduta a terra e mi hanno portata d’urgenza in ospedale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA