Violenza sulle donne, è boom: «Molti casi ancora sommersi»

Distretto Bergamo Est. In quattro anni passate da 60 a 244 le donne che hanno chiamato il Centro R.i.t.a. di Seriate. Il presidente Cortesi: quest’anno presi in carico 111 casi, ma è una problematica dove il sommerso è ancora grande.

Violenza sulle donne, è boom: «Molti casi ancora sommersi»
Il Centro antiviolenza di Seriate è stato inaugurato nel 2018

Il dramma della violenza sulle donne è ancora molto carsico, non tutto viene alla luce. Anzi, ciò che emerge è solo la minima parte dell’intero. Lo sottolineano gli addetti ai lavori che però riconoscono che si stanno facendo passi avanti: le denunce aumentano, che non vuol dire maggiore intensità del fenomeno ma maggiore consapevolezza da parte delle donne, soprattutto italiane, di poter denunciare violenze e soprusi. Queste valutazioni nascono dall’analisi dei dati sulla violenza contro le donne nel report della Rete interistituzionale territoriale antiviolenza (R.i.t.a.) del Distretto Bergamo Est relativo ai primi dieci mesi del 2022. Nel 2018/2019, primo periodo di attività del centro R.i.t.a. di Seriate, affidato all’associazione «Aiuto Donna», sono state 60 le donne che l’hanno contattato; sono state 82 nel 2020, 191 nel 2021, per arrivare ai 244 contatti al 31 ottobre 2022.

© RIPRODUZIONE RISERVATA