Settimana storica E un fenomeno sociale

Settimana storica
E un fenomeno sociale

La settimana più importante della storia atalantina (ma quanto lo furono anche i giorni che precedettero la semifinale con il Malines in Coppa delle Coppe nel 1988) ha già detto molto prima ancora di cominciare. E non solo per l’attesa di eventi calcistici che potrebbero illuminare a giorno la storia del club e dei suoi tifosi (la conquista della Coppa Italia mercoledì e un passo decisivo a Torino in casa della Juve, domenica prossima, per un posto nella Champions League 2019/20), ma per quel fenomeno sociale, enorme, che sta rappresentando a Bergamo l’era gasperiniana, ora al culmine, con le sue ricadute nel quotidiano dei bergamaschi (e non solo).

Nessuno – neppure chi non segue le vicende nerazzurre – può dire di non sapere quel che sta succedendo. Nessuno ignora. Al lavoro, a scuola, nelle case, sui social, non si parla d’altro. E non si contano ferie, permessi, «giustifiche» già pronte per le assenze che si registreranno mercoledì all’insegna del «Tutti a Roma». Chiedete a qualsiasi insegnante cosa hanno in testa tanti alunni in queste ore: idealmente l’unica mitologia che stanno studiando per filo e per segno è quella della «Dea», come la chiamano i tifosi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA