Uovo fritto su nido di agretto, dadolata di pomodoro e fonduta alla fontina

Uovo fritto su nido di agretto, dadolata di pomodoro e fonduta alla fontina

Agretti, barba di cappuccino, barba di Negus o roscani: dietro tanti nomi c’è lo stesso ortaggio, protagonista delle cucine locali nonostante la sua semplicità. Ecco una ricetta proposta dagli studenti dell’Istituto Superiore San Pellegrino.

Infatti, gli agretti altro non sono se non una pianta erbacea con foglioline sottili e molto allungate. Fanno capolino sui banchi di frutta e verdura in primavera e somigliano all’erba cipollina, ma non sono un elemento aromatico.

La pianta di agretti ha piccole dimensioni, si presenta come un cespuglio e non supera i 70 centimetri. Ha un ciclo di vita annuale ed è una pianta costituita da foglie e fusto succulenti e commestibili, tendenti al rosso. È una pianta capace di adattarsi a terreni marini e per questo è ricca di sali minerali, cresce di solito in zone costiere ed è diffusa nel bacino del Mediterraneo. È resistente agli attacchi dei parassiti e quindi si presta molto bene alle coltivazioni domestiche e biologiche, quindi prive di pesticidi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA