Estate, l’incognita di Omicron. Pregliasco: «L’onda risale, ma gli ospedali terranno»

Covid In Lombardia incidenza cresciuta del 52% in 7 giorni, degli oltre 58mila positivi solo lo 0,96% è ricoverato. Il virologo Pregliasco: «Contagi significativi: le nuove varianti più diffusive del morbillo. Proteggere i fragili con la 4 a dose».

Estate, l’incognita di Omicron. Pregliasco: «L’onda risale, ma gli ospedali terranno»

La discesa pandemica s’è ormai increspata da due settimane, disegnando un nuovo sussulto del virus: risalgono i contagi, e pure i ricoveri segnalano l’inizio di un aumento. Ma il Covid ai tempi di Omicron si conferma a velocità variabile: l’incremento della pressione ospedaliera resta sempre più lento e contenuto rispetto all’aumento delle infezioni; negli ospedali i ricoveri in Terapia intensiva si mantengono ai minimi, mentre è solo reparti ordinari che si legge l’incremento dei posti letto occupati. La sintesi la traccia Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università di Milano e direttore sanitario del «Galeazzi»: «È possibile che lo scenario prossimo sia quello di un’onda di risalita con tempi anticipati rispetto a quanto ci aspettavamo, e anche con numeri di contagi significativi. L’impatto sul sistema sanitario dovrebbe però essere contenuto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA