Mamma di quattro figli, sola e medico
«Piango e la scuola non è emergenza»

«Cara scuola, sono giorni che ci penso. Quale è la differenza fra una priorità e un’emergenza? La scadenza. Improrogabile nel secondo caso, non nel primo». Inizia così la lettera di una mamma di quattro figli, dottoressa bergamasca.

Mamma di quattro figli, sola e medico «Piango e la scuola non è emergenza»

«Sono medico e mamma separata di 4 ragazzi preadolescenti. Nella vita lavoro con i tossicodipendenti, in carcere. Per questa emergenza sono stata richiamata in ospedale a coprire turni nei reparti adibiti a gestire i malati (anziani, giovani, pluripatologici e non) sfortunati, colpiti dal virus e affetti da questa potenzialmente letale patologia chiamata Covid 19. Non temete – ci hanno detto al corso – di non esserne all’altezza. Se non ci foste voi al letto di questi pazienti, morirebbero soli. E così eccomi là. È un’emergenza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA