Addio a Pievani, sobrietà e rigore di un artista libero
Dietelmo Pievani

Addio a Pievani, sobrietà e rigore di un artista libero

Dietelmo è morto venerdì a 86 anni. Ha saputo coniugare pittura e scultura, architettura e design in una poetica sempre al passo con i tempi, ma senza smancerie

l mondo dell’arte bergamasca piange la scomparsa dell’artista Telmo (Dietelmo) Pievani, morto venerdì all’età di 86 anni. Una carriera che ha attraversato oltre cinque decenni e che è stata costellata di ricerche e sperimentazioni individuali che hanno portato Pievani ad abbattere le distinzioni tra le arti, con la pittura e la scultura che si sono unite e mescolate ai procedimenti tecnici dell’architettura. Formatosi presso la Scuola d’arte Fantoni e poi l’Accademia Carrara, sotto la direzione dei maestri Achille Funi e Trento Longaretti, Pievani si è distinto nell’ambito della poetica informale e materica, con numerosi progetti, esposizioni e opere che hanno abbracciato nel corso del tempo anche l’architettura d’interni e il design.

© RIPRODUZIONE RISERVATA