«L’Elisir d’amore» per ripartire. Da piazzale Alpini il 23 agosto

Si riparte con Donizetti, si riparte con «L’Elisir d’amore». Non poteva esser diversamente. La stagione lirica estiva del Ducato di Piazza Pontida si riprende la scena dopo un anno di forzato silenzio e lo fa con caratteristiche precise, definite.

«L’Elisir d’amore» per ripartire. Da piazzale Alpini il 23 agosto

Il 23 agosto sul piazzale degli Alpini con «L’Elisir d’amore» di Gaetano Donizetti la manifestazione del Ducato di Piazza Pontida (in collaborazione con rete doc) saluterà la 20 a edizione, racconta Antonio Brena, che di questa proposta è anima e alfiere fin dalle prime mosse, 21 anni fa.

«Nasceva nel 2001, come “Circuito lirico estivo” – racconta lo stesso direttore d’orchestra e compositore bergamasco – con “Traviata”. Poi abbiamo completato il trittico verdiano, con “Trovatore” e “Rigoletto”. Quindi “Barbiere”, “Don Pasquale”, “Elisir”. Eravamo partiti in Piazza Pontida e nel 2006 ci siamo spostati in Piazza Vecchia, dopo cinque edizioni. Ma la mia idea era e resta una: d’estate i teatri vanno in ferie e chiudono. Allora mi sembrava il caso di fare qualcosa per gli amanti della lirica. Per qualche anno è stata fatta l’opera all’aperto anche in piazza Cittadella, con il Teatro Donizetti. Le nostre prime cinque edizioni in piazza erano gratuite e quella era l’idea di fondo che credo sia ancora valida adesso: andare incontro alla gente nelle piazze, nei parchi pubblici, dove la gente si trova. Nelle prime edizioni abbiamo organizzato spettacoli ad Albino, al Castello di Urgnano, a Sorisole sotto il tendone dell’oratorio. L’obiettivo era andare nei luoghi più frequentati e far conoscere la lirica a un vasto pubblico. Ora, con questa ripartenza riprende anche il “Circuito lirico estivo” che ci mosse dalla prima edizione. Oltre a Bergamo, cioè, ripetere l’opera anche in provincia. Così dopo alcuni anni in cui abbiamo fatto opere solo a Bergamo, da questa estate torneremo sul territorio. Quindi replicheremo “Elisir” a Clusone grazie all’amministrazione comunale, sabato 4 settembre a Palazzo Fogaccia».

All’inizio gli spettacoli erano gratuiti, poi le necessità di far quadrare i conti hanno costretto ad introdurre un biglietto. Quest’anno la locazione è inedita, al piazzale Alpini (con inizio alle ore 21, biglietti 20 euro) per verificare con una proposta diversa da altre il rinnovato spazio urbano, di recente aperto a nuove proposte estive.

Bergamaschi sono anche i protagonisti:
Dulcamara sarà il buffo Giovanni Guerini, Adina il soprano Clara Bertella, Nemorino il tenore leggero Livio Scarpellini, Belcore il basso Fabrizio Brancaccio. Il tutto sotto la direzione di Antonio Brena.

Ma perché questo «Elisir» è stato volutamente scelto per la XX edizione, dopo lo stop forzato? «Abbiamo ripreso e cercato di riorientarci, non è mai troppo facile. Abbiamo puntato su un’opera “bergamasca” come il capolavoro di Donizetti, interpretata da solisti bergamaschi, oltre che da organici, orchestra e coro, tutti bergamaschi: l’Orchestra è la nostra Gianandrea Gavazzeni (e di Gavazzeni cade quest’anno il 25° della morte), mentre il coro Calauce di Calolziocorte è composto da bergamaschi e diretto da Massimiliano Di Fino.

Aggiunge Brena: «Sebbene “Elisir” non sia ambientato in Italia (ma in non meglio definiti Paesi Baschi), è evidente che Donizetti pensava alla bassa pianura bergamasca in piena estate. Lo spirito e i suoni che si percepiscono sono quelli a noi orobici familiari, a fianco di musica molto elevata. “Elisir” lo considero il capolavoro di Donizetti per intreccio e studio psicologico dei personaggi, lasciando a parte le opere serie».

E quindi è a maggior ragione l’opera della ripartenza, «non è retorica ma è così, Bergamo e noi bergamaschi siamo stati la città e la terra simbolo della pandemia e ora vogliamo dare un segnale per andare avanti».

L’allestimento, di taglio tradizionale, sarà curato da Mario Morotti. L’evento ha il patrocinio di Comune, Provincia e Camera di Commercio di Bergamo, con il sostegno di Oriocenter. Per acquisti utilizzare il sito del Ducato www.ducatodipiazzapotida.it ; tel. 349.4756326. In caso di maltempo l’evento sarà rinviato al 24 agosto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA