Impianti sportivi, bufera bollette: «Nessun aiuto ma resistiamo»

Crisi energetica. La catena Sportpiù, con diecimila iscritti, si è vista triplicare le spese. Il titolare: la burocrazia non ci dà una mano, un anno per far allacciare il fotovoltaico.

Impianti sportivi, bufera bollette: «Nessun aiuto ma resistiamo»
Il centro Sportpiù di Zingonia

Se il settore delle piscine pubbliche non se la passa bene, a causa dell’aumento dei costi energetici che fa seguito a due anni di chiusure dovute al Covid, non va meglio per le private. Come quelle, sia interne che esterne, di cui sono dotati i resort della catena del fitness Sportpiù costituita da sei strutture, compresi i city club, fra Bergamo, Curno, Cenate e Zingonia, nei confini di Verdellino (in ciascuna possono entrare solo i soci).

© RIPRODUZIONE RISERVATA