Colpita da trombosi: grave donna di 61 anni di Serina

Le sue condizioni sono stazionarie in Terapia intensiva all’ospedale Papa Giovanni XXIII. Ricoverata il 17 maggio, era stata vaccinata 2 settimane prima a Zogno con AstraZeneca

Colpita da trombosi: grave donna di 61 anni di Serina
La Terapia intensiva dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo

Stazionaria, ricoverata in Terapia intensiva. «Il nostro unico obiettivo è curarla e guarirla», è quanto affermano i vertici dell’Asst Papa Giovanni XXIII di Bergamo: qui, nell’Area critica che è diretta da Luca Lorini, è ricoverata dal 17 maggio una donna di 61 anni di Serina. È arrivata in pronto soccorso dopo giorni di pesanti disturbi: le sono stati diagnosticati eventi trombotici cerebrali e una piastrinopenia. Sono entrambi effetti collaterali, contemplati nel foglietto illustrativo, del vaccino AstraZeneca . E proprio quel vaccino è stato somministrato, nel centro vaccinale di Zogno, alla donna di 61 anni di Serina, due settimane prima che cominciasse ad accusare i sintomi, sempre più gravi, per i quali è stata poi trasportata d’urgenza al pronto soccorso del «Papa Giovanni» di Bergamo. Come è previsto dalla prassi, è stata fatta la segnalazione alla farmacovigilanza dell’Aifa, Agenzia italiana del farmaco, dell’evento trombotico che ha colpito la sessantunenne. «Ma non c’è alcun indizio che possa far pensare al momento che l’evento trombotico che ha colpito la paziente sia legato alla somministrazione del vaccino. Né c’è evidenza di correlazione. Questo è lo stato dell’arte della situazione», rimarca Fabio Pezzoli, direttore sanitario dell’Asst Papa Giovanni XXIII. Né pare, peraltro, che i familiari in queste ore abbiano avanzato richieste di perizie e approfondimenti per la ricerca di eventuale causalità tra il vaccino e l’evento trombotico che ha colpito la donna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA