Emergenza Alto Sebino, via ai lavori Primi interventi urgenti a Riva di Solto
La frana sulla Rivierasca

Emergenza Alto Sebino, via ai lavori
Primi interventi urgenti a Riva di Solto

Via libera dalla Regione Lombardia ai primi interventi urgenti nell’Alto Sebino dopo i sei smottamenti per il maltempo dei giorni scorsi sulla Rivierasca.

Via libera dalla Regione Lombardia ai primi interventi di somma urgenza sul reticolo idrico principale in comune di Riva di Solto nell’Alto Sebino, dove domenica 27 maggio la strada Rivierasca è stata chiusa al traffico in seguito a sei smottamenti del terreno causati dal maltempo in Valle Terlera e Valle San Rocco.

«Siamo intervenuti con la massima celerità possibile – ha spiegato l’assessore regionale al Territorio e Protezione Civile – per cercare di riportare alla normalità la difficile situazione che si è verificata nei giorni scorsi. Lunedì 4 giugno, quando avremo a disposizione la stima complessiva dei danni causati dagli smottamenti, metteremo in cantiere gli interventi necessari per risolvere definitivamente lo stato di disagio delle aree coinvolte».

Nella giornata di venerdì primo giugno sono stati avviati i primi due cantieri. «Oggi sono aperti due cantieri - ha aggiunto - il primo relativo al ripristino della sezione idraulica della Valle Terlera, che verrà realizzato attraverso lo sgombero del materiale all’interno della vasca di contenimento e il sopralzo della briglia in calcestruzzo per aumentare la capienza della vasca stessa. A questo seguirà il consolidamento del versante franato e lo sgombero complessivo del materiale. Il secondo cantiere, è invece relativo al ripristino della sezione idraulica della Valle San Rocco mediante lo sgombero del materiale presente in alveo e la costruzione di una briglia in massi e calcestruzzo a valle della briglia in gabbioni danneggiata».

Intanto gli uffici regionali della Protezione Civile sono costantemente in contatto con l’amministrazione comunale di Riva di Solto per un attento monitoraggio dell’evolversi della situazione. (Lnews)

© RIPRODUZIONE RISERVATA