Gli amici ricordano il giovane Nicolò «Volevamo  creare una nuova  squadra»

Gli amici ricordano il giovane Nicolò
«Volevamo creare una nuova squadra»

Dolore e incredulità per la scomparsa di Nicolò Celestini, 23 anni, di Viadanica e per l’amica che ancora è incosciente in un letto di ospedale.

Il giorno dopo, i ricordi della tragica serata di Clusane sono un colpo al cuore per la compagnia di ragazzi che frequentavano gli stessi locali e che domenica, tutti insieme, si erano trovati in riva al lago per un momento di compagnia e spensieratezza. «Abbiamo trascorso la serata all’Origami – raccontano, ancora scossi, gli amici Alberto e Nicola – ci siamo trovati a partire dalle 19, eravamo una ventina di amici e amiche». Poco dopo la mezzanotte è giunta la tremenda notizia: «E noi siamo corsi increduli sul posto, a poco meno di 500 metri dal locale in direzione Sarnico». Momenti terribili, nei quali si fatica pure a accettare la realtà. Nicolò era appassionato di calcio, giocava nella squadra del Csi ad Adrara San Martino. «Avevamo già in programma per la prossima stagione la creazione di una nostra squadra a cinque con gli amici di sempre, a Credaro».


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 5 giugno 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA