Marianna, troppa voglia di vita
Nasce in auto a San Pellegrino

Mamma e papà di San Pellegrino erano diretti verso l’ospedale, ma lei ha bruciato i tempi.

Marianna, troppa voglia di vita Nasce in auto a San Pellegrino

In effetti era in ritardo di una settimana rispetto a quel 21 dicembre, termine fissato per la nascita. E così, nella notte tra dpmenica 27 e lunedì 28, Marianna ha deciso che non era il caso di aspettare oltre: mentre papà Gianluca (Gervasoni) stava guidando l’auto con a bordo mamma Laura (Baroni) direzione ospedale di Alzano Lombardo è venuta alla luce a bordo della Citroen Picasso di famiglia. Nemmeno il tempo di lasciare San Pellegrino, alle 1,40 è successo il tutto.Papà Gianluca ha parcheggiato in tutta fretta, alzato il riscaldamento al massimo, ha recuperato l’accappatoio della mamma e con questo ha accolto al mondo la sua secondogenita, Marianna, uno scricciolo di 2,950 grammi.

« Un po’ di timore c’è stato e fortunatamente l’arrivo dopo pochi minuti del medico sulla medicalizzata ci ha rincuorato: mia moglie e la piccola sono state fatte accomodare sull’ambulanza della Croce rossa, sul quale è salito l’equipaggio col medico, e poi ci siamo diretti tutti verso Bergamo, dove, in sala parto è stato tagliato il cordone ombelicale» spiega il papà. «La natura ha fatto bene il suo dovere – racconta ancora emozionato il medico che ha soccorso la famigliola di San Pellegrino Terme, Fabrizio Fabretti – quando siamo arrivati noi, automedica e ambulanza, la cucciola era già nata e non abbiamo fatto altro che provare i primi riflessi e infine... coccolarla e assistere lei e la mamma, che fortunatamente stanno bene, e questo è l’importante».

© RIPRODUZIONE RISERVATA