Val Taleggio, in fiamme gli Orridi: due elicotteri in azione. Chiusa la provinciale
Fiamme agli Orridi della Val Taleggio

Val Taleggio, in fiamme gli Orridi: due elicotteri in azione. Chiusa la provinciale

Non accenna a placarsi l’incendio scoppiato nel tardo pomeriggio di domenica 28 marzo e che interessa la vegetazione del costone roccioso che sorge al confine tra i comuni di San Giovanni Bianco e Taleggio.

Un nuovo incendio agli Orridi della Val Taleggio è scoppiato nel tardo pomeriggio di domenica 28 marzo e interessa la vegetazione del costone roccioso che sorge al confine tra i comuni di San Giovanni Bianco e Taleggio. Si tratta dell’area a ridosso della strada provinciale, per questo motivo la Provincia ha disposto la chiusura al traffico della strada, onde evitare incidenti per possibili e pericolosi smottamenti sulla carreggiata.

In fiamme diversi ettari del costone roccioso all’altezza della Madonnina, dopo la galleria, per lo più sterpaglie e piccoli arbusti. Sul posto sono stati inviati i Vigili del fuoco di Zogno, con auto pompa serbatoio e modulo boschivo e i volontari dell’anticendio boschivo della Comunità montana Valle Brembana. Non solo, data la vastità dell’incendio è stato utilizzato anche l’elicottero, con lanci d’acqua sulla zona in fiamme fino alle 20, cioè al sopraggiungere del buio. Da un versante, quello più facilmente accessibile a uomini e mezzi, l’incendio è stato fermato. Sul fronte più impervio invece il rogo anche fortunatamente non minaccia nulla.

I lanci sono ripresi stamattina (lunedì 29 marzo) alle 7 con due elicotteri e sono proseguite per tutta la mattinata. Le fiamme infatti non si placano e stanno raggiungendo l’abitato di Cantiglio. Le sbarre, a valle e a monte, degli Orridi sono state abbassate per bloccare il traffico fino alla fine delle attività di spegnimento. Oltre ai pompieri di Zogno e ai volontari dell’antincendio, ieri sul posto c’erano anche i carabinieri e i sindaci di Taleggio e San Giovanni Bianco.


Leggi l’approfondimento sull’Edizione de «L’Eco di Bergamo» in edicola lunedì 29 marzo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA