«Imbuto insostenibile a Borgo di Terzo» La protesta di chi percorre la Statale 42
Le immagini del traffico mattutino a Borgo di Terzo

«Imbuto insostenibile a Borgo di Terzo»
La protesta di chi percorre la Statale 42

Sotto la lente la scelta di alcuni Comuni di limitare il traffico in paese ai soli residenti.

«Questo è il disagio dell’imbuto a Borgo di Terzo stamattina - lunedì 2 dicembre - e ogni giorno feriale lavorativo. Chiediamo alla Provincia, alla Regione ma prima ancora ai nostri quattro comuni limitrofi: Grone, Vigano, Borgo di Terzo e Berzo San Fermo di intervenire. Mettetevi nei panni di noi pendolari del mattino, di noi che iniziano a lavorare tra le sette e le 9 del mattino e ci limitiamo a reclamare l’andata». È questo lo sfogo di chi percorre il tratto della ex strada statale 42 nel tratto di Borgo di Terzo ogni mattina apparso sulla pagina Facebook «Statale 42 Valcavallina Bg» accompagnato da foto eloquenti del traffico mattutino.

Sotto la lente la scelta di alcuni comuni di limitare il passaggio nei paesi alla sola cittadinanza. «Quando chiudete il passaggio per alcune strade (vedi Entratico, Grone e ora Berzo) anche negli orari di punta, limitandole alla sola cittadinanza, pensate prima a quanto ci mettete tutti in sempre più seria difficoltà – spiegano gli amministratori del gruppo –. Spettano al Comune tutte le funzioni amministrative che riguardano la popolazione e il territorio comunale, dell’assetto e utilizzazione del territorio e dello sviluppo economico. La statale 42 serve i nostri paesi, serve ai nostri paesi».

La lunga coda delle auto tra le 7 e le 9 di mattino

La lunga coda delle auto tra le 7 e le 9 di mattino

Divisi i pareri tra chi commenta: c’è chi appoggia la scelta di limitare il traffico nei paesi per ragioni di sicurezza stradale e chi sottolinea che tra chi fa le spese delle lunghe code ci sono anche gli studenti sui bus che arrivano costantemente in ritardo a scuola.

Giovedì 5 dicembre alle 20,45 nell’ex chiesa di San Bernardino a Luzzana, il Comitato Statale 42 Val Cavallina, in collaborazione con il Comune ospitante, ha organizzato un incontro per fare il punto sullo stato dell’arte in vista della riqualificazione della rotonda di Borgo di Terzo, già messa in bilancio dalla Provincia, uno dei punti più critici della ex Statale 42. «Sarà un confronto aperto tra i cittadini e sindaci al fine di condividere il progetto sulla rotatoria di Borgo di Terzo, in cui si potrà avanzare proposte e discutere, prima che inizino i lavori, speriamo al più presto» spiega Massimiliano Russo, il portavoce del Comitat o. Coordinata da Russo la tavola rotonda vedrà la partecipazione di Ivan Beluzzi, sindaco di Luzzana e assessore alla Cultura e al Turismo nella Comunità montana dei Laghi bergamaschi e Stefano Vavassori, sindaco di Borgo di Terzo e presidente dell’Unione Media Val Cavallina. Quindi terranno due relazioni il sindaco di Endine e assessore ai Lavori pubblici e alle Opere urbanistiche nella Comunità dei Laghi bergamaschi Marco Zoppetti e Mauro Bonomelli, sindaco di Costa Volpino e consigliere della Provincia di Bergamo con delega allo Sviluppo, alle Grandi opere e alle Infrastrutture.


© RIPRODUZIONE RISERVATA