Maltempo, Protezione civile: allerta arancione in Lombardia. Le previsioni per i prossimi giorni
Il fenomeno atmosferico di mammatus clouds, immortalato a Chiuduno domenica da Sinan Zekiri

Maltempo, Protezione civile: allerta arancione in Lombardia. Le previsioni per i prossimi giorni

L’avviso prevede dal primo mattino di lunedì 26 luglio, la persistenza di precipitazioni, a prevalente carattere temporalesco.

Una vasta depressione atlantica continua a inviare impulsi di tempo perturbato verso le regioni settentrionali dell’Italia con conseguente persistenza, anche nella giornata di lunedì 26 luglio, di attività temporalesca a tratti intensa al Nord. Inoltre permarrà una sostenuta ventilazione meridionale sulle regioni del Centro e su quelle dell’Appennino settentrionale. Lo rende noto la Protezione civile che per la giornata di lunedì ha emesso una allerta arancione per la Lombardia.

L’avviso prevede dal primo mattino di lunedì 26 luglio, la persistenza di precipitazioni, a prevalente carattere temporalesco, su Piemonte e Lombardia, in estensione a Veneto, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Emilia-Romagna e Toscana. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, possibili grandinate, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Dalle prime ore di lunedì sono previsti inoltre venti forti dai quadranti meridionali, con rinforzi fino a burrasca su Emilia-Romagna ed Umbria. Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di lunedì 26 luglio, allerta arancione su buona parte della Lombardia. Valutata, inoltre, allerta gialla in Emilia-Romagna, Veneto, gran parte della Toscana e su settori di Liguria, Piemonte, Friuli Venezia Giulia e sul restante territorio della Lombardia.

La nube temporalesca mammatus

Nello scatto del nostro lettore Sinan Zekiri una speciale nube temporalesca che si chiama mammatus (come riporta anche 3Bmeteo.com) immortalata domenica 25 luglio a Chiuduno. Le mammatus clouds sono delle nubi che si formano nella parte del temporale meno attiva, laddove è presente uno strato d’aria più secca. Si trovano solitamente quindi lontane dal nucleo più intenso delle precipitazioni. È come se la nube provasse a far piovere ma incontrando uno strato d’aria molto secco non ci riuscisse.

Le previsioni

Tra lunedì 26 e martedì 27 luglio violenti temporali interesseranno ancora le regioni settentrionali, poi farà sempre più caldo su tutto il Paese, con picchi a tratti estremi sulle regioni meridionali.

Questo il quadro meteo secondo il team del sito www.iLMeteo.it sottolineando che «la settimana appena iniziata risulterà piuttosto movimentata: nel corso delle prossime 24 ore un fronte temporalesco transiterà sull’Italia, facendo sentire i suoi effetti principalmente sulle regioni settentrionali e su parte di quelle centrali. Osservati speciali saranno i settori alpini, quelli prealpini e le zone di pianura piemontesi, lombarde, emiliane e gran parte del Triveneto. Su queste aree non sono esclusi colpi di vento e grandinate; qualche fenomeno a macchia di leopardo potrà anche interessare l’entroterra ligure».

Successivamente, riferiscono ancora gli esperti de iLMeteo.it l’anticiclone africano si distenderà nuovamente su tutta l’Italia, garantendo una fase di tempo maggiormente stabile, soleggiato e molto caldo: da giovedì 29 fino a tutto il weekend “«una pesante ondata di calore farà lievitare le colonnine di mercurio su tutta Italia fino a toccare probabilmente nuovi record di caldo su molti angoli del Sud con picchi termici addirittura oltre i 44/45 gradi».

Nel dettaglio:

- Lunedì 26: al Nord, condizioni di tempo a tratti instabile con precipitazioni sparse localmente temporalesche. Al Centro, temporali sulle zone interne della Toscana, altrove più soleggiato. Sud: tanto sole e clima via via più caldo.

- Martedì 27: al Nord, temporali a macchia di leopardo su tutte le regioni. Al Centro: tempo maggiormente instabile sulla Toscana, con isolati temporali sulle zone interne. Al Sud, prosegue la fase di tempo ampiamente stabile.

- Mercoledì 28: al Nord, temporali alternati a schiarite sull’arco alpino. Al Centro: tutto sole. Al Sud, ampio soleggiamento.


© RIPRODUZIONE RISERVATA