Rubano 47 mila euro  a un pensionato Tre donne prese con la refurtiva addosso
I soldi recuperati dai carabinieri

Rubano 47 mila euro a un pensionato
Tre donne prese con la refurtiva addosso

Casnigo, il furto nella cascina di un settantenne. I carabinieri hanno arrestato tre donne di etnia rom in possesso del denaro rubato. Sabato 30 il processo.

Hanno rubato dall’abitazione di un pensionato quasi cinquantamila euro in contanti. Il furto è stato commesso nella giornata di venerdì 29 novembre a Casnigo e le responsabili sono già state arrestate dai carabinieri: si tratta di tre donne di etnia rom, fermate nelle vicinanze della casa svaligiata ancora con la refurtiva addosso.

Tutto è accaduto nel primo pomeriggio, quando alla centrale dei carabinieri di Clusone è arrivata una segnalazione, da parte di alcuni residenti della zona, che riferiva di tre donne che si aggiravano con fare sospetto nei pressi di una cascina a Casnigo. La cascina, utilizzata come abitazione da un pensionato settantenne di Colzate, si trova fuori dal paese, in una zona piuttosto defilata. Sul posto sono state inviate due pattuglie, una dalla Stazione dei militari dell’Arma di Gandino e un’altra dalla Stazione di Fiorano. I carabinieri hanno intercettato in zona tre donne, trovate in possesso di 14 buste postali dove erano custoditi 47.700 euro in contanti, denaro risultato poi sottratto dall’abitazione del pensionato, a cui è stato restituito. I soldi erano custoditi in un armadio nella cucina dell’abitazione.

La refurtiva

La refurtiva

Inoltre, le donne avevano anche con sé 111 euro, una busta di colore giallo contenente documentazione del derubato e sei chiavi passepartout. Le tre sono state arrestate e sabato 30 novembre compariranno davanti al giudice per il processo con rito direttissimo: si tratta di L. M., nata in Bosnia Erzegovina, classe 1963, separata, casalinga, censurata per reati contro il patrimonio (addosso a lei sono state trovate le chiavi passepartout); L. K., nata a Pola (Croazia), classe 1959, coniugata, casalinga, censurata per reati contro patrimonio; D. N., nata a Garbagnate Milanese (Milano) classe 1995, convivente, casalinga, censurata per reati contro il patrimonio.


Tutti i dettagli acquistando a 0,99 euro la copia digitale de «L’Eco di Bergamo» di sabato 30 novembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA