Martedì 15 Dicembre 2009

Verdello stoppa la bretella
«Puntiamo sulla tangenziale»

La nuova bretella che dovrebbe collegare l’ex statale 42 alla provinciale 121 per Caravaggio attraverso il prolungamento di via Della Repubblica rischia di non vedere la fine. «Stiamo valutando se completarla o meno», spiega il sindaco Luciano Albani. Gli operai della Imprima costruzioni di Villa di Serio sono al lavoro. «Verrà completata all’80% – prosegue Albani –, sono stati stanziati 900.000 dalla precedente Amministrazione, ma non bastano. Ora stiamo vedendo se vale la pena investire altri soldi per portarla a termine o se conviene subito puntare sulla tangenziale».

Il primo cittadino non ha dubbi: la bretella non risolve il problema traffico. L’opera è avanti. Le rotonde ci sono già. Nelle intenzioni della precedente Amministrazione le due rotonde dovevano infatti collegarsi e dare vita alla bretella che avrebbe consentito al traffico da e per la Bassa (Caravaggio) di non passare più per il centro paese. Una soluzione che con la tangenziale avrebbe ridato ossigeno a un paese assediato dalle migliaia di auto dei pendolari che ogni giorno si spostano lungo l’ex statale 42, dalla Bassa verso Bergamo e viceversa. «Preferiamo investire risorse nella tangenziale», sottolinea il sindaco.

L’opera era già inserita nel Pgt approvato dalla precedente Giunta guidata da Tiziano Agostinelli, ma l’attuale Amministrazione leghista non soddisfatta del progetto ha deciso di rivederlo. L’obiettivo è diminuire l’impatto ambientale. «La nostra soluzione – spiega Albani – è quella di una tangenziale non interrata come era prevista prima. Il percorso sarà più a est e si collegherà direttamente sull’ex statale all’altezza della ditta Phoenix e non più al rondò nei pressi degli impianti sportivi lungo la provinciale».

La nuova tangenziale partirebbe dal rondò lungo l’ex statale, poco dopo la rotatoria per Comun Nuovo e la zona industriale di Levate, e permetterebbe di aggirare il paese a Est, collegandosi di nuovo sull’ex statale in direzione Treviglio, all’altezza della Phoenix.

e.roncalli

© riproduzione riservata