Venerdì 29 Gennaio 2010

Bergamo, domenica niente auto
Più controlli sui riscaldamenti

Bergamo vivrà domenica la prima giornata ecologica targata Tentorio: dalle 9:30 alle 17:30 non si potrà circolare in automobile sull’intero territorio cittadino. Eccetto coloro che dispongono di una vettura Gpl o a metano e quanti rientrano nelle abituali deroghe (nell'allegato).

I varchi presidiati in totale saranno 17 con pattuglie della polizia locale che effettueranno controlli anche nel perimetro dell’area pedonalizzata. Via libera, invece, lungo la circonvallazione, l’asse interurbano, e la direttrice per l’ospedale. Non solo: il blocco degli Euro 2 è stato esteso anche al sabato e alla domenica.

«La decisione è stata presa perché in questo momento emergenziale, con condizioni meteo poco favorevoli, il blocco del traffico può essere l’occasione per vivere in modo diverso la città e migliorare la situazione», ha confermato Massimo Bandera l’assessore all'Ecologia del Comune di Bergamo, dopo la riunione in regione sul contrasto all’inquinamento atmosferico a cui hanno partecipato 80 rappresentanti di enti locali, associazioni di imprese e associazioni ambientaliste.

Una riunione, convocata dal presidente Roberto Formigoni, fissata per discutere lo stato degli interventi in materia d’inquinamento atmosferico in cui è stato annunciato il blocco totale del traffico di Milano e la decisione di raddoppiare lo stanziamento per un totale di 2 milioni di euro a favore dei Comuni per l'intensificazione dei controlli sugli impianti di riscaldamento che, secondo i dati più recenti, producono il 30% delle polveri sottili.

Nell’ordinanza del Comune di Bergamo che riporta tutte le disposizioni decise per contenere l’inquinamento, oltre alla giornata ecologica, c’è anche la limitazione della temperatura negli ambienti di vita: non più di 20 gradi in uffici pubblici, case, e negozi. Ieri, termometro alla mano, dalle 12 alle 15 abbiamo fatto una verifica. Il risultato? Tutti oltre. Fa davvero caldo all’ufficio anagrafe del Comune (24.8 C), al terzo piano della palazzo della Provincia (24.4 C), a Palafrizzoni in Sala Caccia (22.7 C) dove alle 13, senza anima viva, la valvola termostatica del termosifone era a 5 (il livello massimo).

Maggiori dettagli e curiosità su L'Eco di Bergamo del 29 gennaio

r.clemente

© riproduzione riservata