Martedì 30 Marzo 2010

Imagna, impera il verde padano
La roccaforte della Lega è qui

C'è una zona della Bergamasca dove il verde spicca più di ogni altro luogo. Posizionata a ovest del capoluogo, a un passo del lecchese e sotto l'occhio del Resegone, è la Valle Imagna: terra montagnosa, a tratti aspra, terra di confine, terra che non gode di grandi risorse economiche. Il valdimagnino lo sa e si è attrezzato. E la sua valle è diventata talmente verde che ora il colore dei suoi boschi e prati è un tutt'uno con il verde padano.

Già, la Lega ha qui una delle sue indiscusse roccaforti. Lo zoccolo duro è qui. Basta dare uno sguardo alle cifre delle Regionali e balza subito in evidenza la fila dei paesi dove la Lega ha collezionato oltre il 50% dei consensi. Da Strozza a Fuipiano è tutta una catena di Comuni inanellati fra loro che si snodano sulla dorsale della valle.

Stando ai risultati la capitale padana della Valle Imagna dovrebbe essere Corna Imagna dove il Carroccio ha caricato il 64% dei voti, ma non si discosta di molto il dato di Sant'Omobono (60,68%). Locatello si difende con il 59%, a ruota ci sono Strozza (56%) e Rota Imagna (55,60%), quindi Berbenno (56%), Blello (54%), Capizzone (52%), Fuipiano (51%).

Singolare caso a Bedulita sul fronte delle preferenze: Raimondi (Pdl) è passato da 5 consensi nel 2005 a 70 preferenze delle ultime elezioni.

In Valle Brembana (più Comuni e più elettori) la Lega primeggia a Piazzolo (57%), Foppolo (53%), Ubiale Clanezzo (54%) e anche nella vicina Serina (56%).

Interessante notare l'area vicina al Sebino e all'ombra della Valle Cavallina, dove si inseriscono i due Adrara: San Martino (52%) e San Rocco (55%), oltre a Vigolo (59%). Oltre la soglia del 50% anche Selvino e Aviatico, mentre a Bianzano la Lega ha ottenuto il 54%. Ornica (51%), Parre (52%) e Cazzano (58%) sono altri tre Comuni di chiaro impronta leghista.

E' singolare il fatto che tutti i Comuni citati siano in zone vallari. Del resto è in queste aree geografiche che la Lega ha fatto presa sin dalla fondazione, chiamando a raccolta i suoi elettori che oggi sono diventati fedelissimi. La Valle Imagna.

La mappa politica bergamasca a questo punto rischia realmente di diventare un'unica macchia verde. Il cielo poi sulla Valle Imagna è necessariamente azzurro. Come il colore del Pdl. Ma i valdimagnini tengono a precisare che non è merito di Berlusconi.

e.roncalli

© riproduzione riservata