Giovedì 15 Aprile 2010

Federconsumatori sui taxi
«Più trasparenza nei costi»

«Federconsumatori Bergamo ritiene che il servizio pubblico reso tramite taxi a Bergamo sia percepito dalla Gente come insufficiente (numericamente) ed eccessivamente costoso. Questa situazione è stata evidenziata in più occasioni sia nei confronti della Camera di Commercio sia all'Amministrazione comunale, sin dall'autunno dell'anno scorso».

«Dall'interessamento dell'Ente Camerale e dall'Assessorato alla viabilità, che hanno avuto contatti con i rappresentanti dei tassisti, si aspettava scaturisse un minimo d'intesa su una questione che penalizza anche i conducenti di taxi»

«Le nostre richieste/proposte sono di semplice lettura: 1) operare sulla trasparenza dei costi; 2) concordare alcune tariffe per tratte predefinite. Alla voce "trasparenza" proponiamo l'istallazione di cartellonistica nei punti di ritrovo dei taxi (Sentierone, Stazione ferroviaria e aeroporto di Orio): cartelloni con riportate le norme applicative delle diverse tariffe vigenti».

«Medesime informazioni dovrebbero essere messe a disposizione dei passeggeri tramite fogli informativi posizionati in maniera visibile all'interno dei taxi. Le tratte soggette a tariffe concordate potrebbero essere quella aeroporto/centro città e stazione /Ospedali Riuniti. La prima sarebbe d'incentivo al turismo, la seconda d'aiuto a coloro che provenendo dalla periferia devono recarsi nel principale luogo di cura della città».

«Altra iniziativa lodevole, e apprezzabile, sarebbe l'istituzione di una tariffa particolarmente conveniente per le donne che avessero la necessità di servirsi del taxi dopo le ore 20 e sino alle 7 del mattino. Ci rendiamo conto che non è lecito chiedere ai tassisti di sostenere loro soli i costi iniziali per realizzare quello che Federconsumatori propone».

«Per questo motivo sollecitiamo Amministrazione comunale e Camera di Commercio a rendersi disponibili per proporre ai tassisti un sostegno economico, nelle forme che riterranno opportune, in questa operazione di trasparenza e contenimento dei prezzi. In caso contrario i bergamaschi continueranno a diffidare del servizio loro offerto e i turisti avranno ragione di stigmatizzare il fatto che costa meno il viaggio aereo dall'Europa a Bergamo che il trasferimento dall'aeroporto all'albergo in città».

m.sanfilippo

© riproduzione riservata