Ambivere, nell'area ex Losa
un punto vendita dell'Ikea

Ambivere, nell'area ex Losa un punto vendita dell'Ikea

L'Ikea, il colosso svedese specializzato nella vendita di mobili, complementi d'arredo ed oggettistica, potrebbe aprire un punto vendita ad Ambivere. I centri Ikea, più vicini a Bergamo si trovano a Carugate e a Roncadelle (Brescia). I tecnici della multinazionale svedese hanno visionato l'area commerciale ex Losa di Ambivere di proprietà della società Val San Martino di 10.000 metri quadrati con un grande parcheggio di circa 7.000 mq.

Questo centro commerciale sorgerà sul lato destro (direzione Bergamo) della ex statale Briantea a circa due kilometri del centro commerciale (food e non food) che sta sorgendo nell' area ex Sobea di Mapello. In attesa che i colossi della grande distribuzione decidano le loro strategie commerciali, per quanto riguarda l'area commerciale ex Losa di Ambivere il Consiglio comunale - a maggioranza, contrari i consiglieri della Lega Nord e di Un'altra Ambivere - ha approvato le modifiche intervenute sulla convenzione con la società Val San Martino che era stata sottoscritta nel marzo del 2009 dalla Amministrazione comunale leghista, presieduta dal sindaco Alma Ravasio.

Il sindaco Silvano Ravasio illustrando le varianti apportate ha sostenuo che: “gli accordi firmati dalla precedente Ammnistrazione erano penalizzanti per Ambivere soprattutto in tema di viabilità. A fronte di una trattativa con la proprietà Val San Martino e nonostante la convenzione fosse già stata sottoscritta dal ex sindaco Alma Ravasio, siamo riusciti ad ottenere una serie di vantaggi: è aumentato l'investimento da parte della società per realizzare il verde, da 59.327 euro a 125.327 euro con la piantumazione di 180 piante invece di 18, monetizzazione di 6.583 mq. di parcheggio, per un totale di 500.000 euro che entreranno nelle casse del Comune. I parcheggi però resteranno di uso pubblico".

Contraria la Lega Nord. In un documento i leghisti elencano i punti sui quali dissentono: aumento dell'area commerciale da 8.000 a 9.900 con azzeramento della superficie riservata al terziario, la perdita della proprietà di un parcheggio di 8.378 mq. che nella precedente convenzione veniva realizzato dalla proprietà e ceduto al Comune.

Leggi di più su L'Eco in edicola il giovedì 10 giugno

© RIPRODUZIONE RISERVATA