Domenica 30 Gennaio 2011

Torre Boldone: alcol alla guida?
Si «paga» facendo volontariato

Alla guida sotto l'effetto di alcol o sostanze stupefacenti? Niente multa. La pena si paga facendo giardinaggio in municipio. Oppure aiutando gli anziani. O ancora dando una mano all'ufficio tecnico comunale. In quattro parole: con lavori socialmente utili.

La soluzione alternativa alla multa è compresa da una legge dello Stato che prevede la possibilità, appunto, di sostituire multa o carcere con il lavoro di pubblica utilità. A due condizioni: l'imputato non deve aver provocato un incidente e deve essere d'accordo, con il giudice, nella sostituzione della pena.

Al termine dell'esperienza di lavoro, toccherà al giudice stabilire se l'attività è stata svolta in modo positivo. In questo caso, l'imputato godrà di diversi vantaggi: il giudice dichiarerà estinto il reato, dimezzerà la durata della sospensione della patente e revocherà la confisca del mezzo sequestrato.

Altrimenti, se gli obblighi lavorativi non saranno rispettati, all'imputato verrà revocata la pena sostitutiva e sarà ripristinata la pena «tradizionale», con multa, sospensione della patente e confisca del veicolo.

L'iniziativa si sta diffondendo in tutta Italia. Anche a Bergamo. Ma sono ancora pochi gli enti che aderiscono a questo provvedimento, dando la disponibilità nell'accogliere i lavoratori socialmente utili. Finora, nella nostra provincia, hanno aderito meno di dieci enti. E in totale i posti disponibili sono una ventina. L'ultimo ente che ha aderito all'iniziativa è il Comune di Torre Boldone.

Leggi di più su l'Eco di domenica 30 gennaio

m.sanfilippo

© riproduzione riservata