Martedì 01 Febbraio 2011

Napolitano, l'invito del sindaco:
«Esponete tutti il tricolore»

La città tricolore. Una grande cornice verde, bianca e rossa per accogliere il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano con quelle bandiere che i bergamaschi avevano già utilizzato in occasione dell'adunata delle penne nere.

L'invito a esporle nuovamente per la visita di mercoledì 2 febbraio, già avanzato a Palafrizzoni dal Pd, arriva dal sindaco Franco Tentorio che lunedì ha chiesto ai cittadini di bissare la coreografia in particolare lungo le vie interessate dal corteo presidenziale: Autostrada, Carnovali, Don Bosco, Bonomelli, Papa Giovanni XXIII, Porta Nuova, Sentierone, piazza Matteotti, largo Gavazzeni, via Tasso e il Sentierone nella zona adiacente al teatro Donizetti dove si concluderà la mattinata del presidente.

Una veste che, per ovvi motivi, non potrà eguagliare il raduno degli alpini - in quell'occasione vennero distribuite dall'Ana di Bergamo - ma che, almeno a livello simbolico, avranno lo stesso identico significato: Bergamo Città dei Mille rende omaggio alla prima carica della Repubblica e a tutti i valori che essa incarna, compresa l'unità nazionale.

Tutto pronto, insomma. Ormai non resta che attendere l'arrivo di Giorgio Napolitano. Il Capo dello Stato, accompagnato dalla moglie Clio, arriverà da Milano mercoledì mattina e si dirigerà come prima tappa a Palafrizzoni, dove, attorno alla 10.15, incontrerà il presidente della Regione Roberto Formigoni, il sindaco Franco Tentorio e il presidente della Provincia Ettore Pirovano.

Quindi, dopo un omaggio alla Torre dei Caduti con deposizione di una corona verso le 10,45, Napolitano si trasferirà al Teatro Donizetti per l'incontro con i rappresentanti politici (parlamentari, sindaci, consiglieri provinciali e comunali), ma anche con una folta rappresentanza di studenti. Dopo il pranzo in Prefettura, in programma c'è la visita a L'Eco di Bergamo alle 16 e a seguire quella in Città Alta dove il presidente verrà accolto in Duomo dal vescovo Francesco Beschi.

Leggi di più su L'Eco di martedì 1° febbraio

m.sanfilippo

© riproduzione riservata