Lunedì 07 Febbraio 2011

Schianto sull'asse ad Albano
Muore un algerino, sei feriti

Incidente mortale ad Albano sull'asse interurbano, all'altezza dello svincolo 42. Intorno alle 16.30 un uomo di 45 anni originario dell'Algeria e residente a Lovere è morto in uno schianto che ha visto coinvolti il suo furgone, un'auto e un camion. Sei i feriti, due sono in gravi condizioni.

Tutto è accaduto in pochi secondi: una donna di 72 di anni di Cenate Sopra - alla guida di una Chrysler - stava viaggiando sull'asse interurbano da Bergamo verso Lovere quando, per cause ancora da accertare, ha invaso la corsia opposta. Inevitabile lo scontro frontale con un autocarro che proveniva dalla direzione opposta. Nello schianto il mezzo pesante è finito anche contro il furgone che viaggiava dietro la Chrysler. Al volante c'era l'algerino, operaio che stava tornando a casa dopo il lavoro: Harrat Toufik, 45 anni residente a Lovere, è morto sul colpo a causa del violento scontro. Il suo furgone, nel terribile schianto, è finito contro il guard-rail e nell'impatto sono rimasti feriti anche i quattro passeggeri, operai come Toufik.

Il bilancio dell'incidente è quindi di un morto e sei feriti di cui due gravi: si tratta della donna 72enne al volante della Chrysler, ricoverata a Calcinate, e del camionista che guidava l'autocarro, in prognosi riservata ai Riuniti di Bergamo. Gli altri quattro feriti - di 28,31,34 e 44 anni - sono stati ricoverati alle Gavazzeni di Bergamo e a Zingonia. Harrat Toufik lascia nel dolore la moglie Nabila e i piccoli Abbdelrahmane di 3 anni, Macine di 22 mesi e Bouchra nata poco più di un mese fa. Era arrivato dall'Algeria 17 anni fa per cercare un lavoro: prima era stato assunto come operaio semplice e poi con il passare degli anni si era specializzato nei montaggi industriali.

Sul luogo dell'incidente la polizia stradale e dei Colli, oltre che tre ambulanze del 118, un'automedica e l'elisoccorso. La strada è rimasta chiusa dalle 16.30 alle 18.10.

Per saperne di più leggi L'Eco di Bergamo dell'8 febbraio


fa.tinaglia

© riproduzione riservata