Domenica 13 Febbraio 2011

Giornata di raccolta del farmaco
Un quarto in più rispetto al 2010

Sono circa 15 mila i farmaci raccolti in provincia di Bergamo nell'XI Giornata Nazionale di Raccolta del Farmaco. Rispetto allo scorso anno l'incremento è stato del 25%. L'iniziativa, organizzata dalla Fondazione Banco Farmaceutico Onlus in collaborazione con la Compagnia delle Opere – Opere Sociali, a Bergamo ha coinvolto 81 farmacie, 42 enti convenzionati e oltre 300 volontari.

«La risposta dei bergamaschi si è rivelata superiore allo scorso anno. Abbiamo raccolto circa il 25% in più di farmaci e, tenendo conto del periodo di crisi e di difficoltà economica, posso dire che l'attenzione dei bergamaschi al bisogno degli altri è stata grande. Ciò conferma inoltre che l'iniziativa si è ormai consolidata negli anni – spiega Edoardo Maladosa, responsabile del Banco Farmaceutico di Bergamo –. La generosità dei bergamaschi si è vista inoltre nel fatto che sono stati in molti ad andare in farmacia anche solo per acquistare un farmaco da donare al banco e non per un bisogno personale, facendo anche donazioni consistenti come quella offerta dall'Associazione Ambulanclown».

Per la buona riuscita della raccolta è stato indispensabile l'impegno dei 300 volontari che, nell'arco della giornata, si sono alternati nelle farmacie; un ringraziamento particolare va agli alpini dei singoli paesi interessati dall'iniziativa e alla protezione civile di Torre di Rovere. Si ringraziano inoltre i singoli farmacisti che hanno aderito, il loro Ordine e l'Associazione nazionale delle industrie farmaceutiche dell'automedicazione, che ogni anno contribuisce al successo dell'iniziativa con importanti donazioni.

Per condividere l'esperienza della giornata trascorsa insieme e per approfondire la conoscenza della Fondazione Banco Farmaceutico è in programma sabato 26 febbraio 2011 al Patronato San Vincenzo (via Gavazzeni, Bergamo) una serata conviviale, che prevede la celebrazione della Santa Messa alle ore 19,30 e a seguire la cena.

Per informazioni
: [email protected]

fa.tinaglia

© riproduzione riservata