Venerdì 11 Marzo 2011

Allarme smog a Bergamo
È tra le 22 città più inquinate

Bergamo nella lista nera dei 22 capoluoghi di provincia più inquinati: per 39 giorni, solo nei primi mesi del 2011, è stata superata la soglia massima di Pm10. Conquistando il quattordicesimo posto nella classifica che è stata presentata giovedì 10 marzo a Roma da Legambiente, alla presenza del ministro dell'Ambiente, tutela del territorio e del mare Stefania Prestigiacomo.

La partenza del «Treno verde», l'iniziativa di monitoraggio dell'inquinamento nelle città italiane dell'associazione ambientalista, è stata l'occasione per fare un primo bilancio sull'andamento delle polveri sottili nello Stivale. Con un risultato negativo per Bergamo, nella lista insieme ad altri 17 capoluoghi di provincia dell'area padana. Ma Palafrizzoni non ci sta a indossare una delle maglie nere, e l'assessore all'Ambiente Massimo Bandera replica: «Non ritengo utile l'ansia di contare i giorni di superamento, è un problema che va affrontato con serietà, serve tempo perché si risolva».

Secondo quanto riportato da Legambiente sui dati Arpa, la centralina di via Meucci ha registrato valori di Pm10 oltre il limite di 50 microgrammi per metro cubo per 39 giorni. Già oltre i 35 giorni di superamento annui consentiti per legge. La situazione dell'aria, per il presidente di Legambiente Bergamo Nicola Cremaschi, sarebbe però peggiore: «Sto contando i giorni in cui il Pm10 è oltre i limiti - ha spiegato -. I valori cambiano a seconda della centralina osservata e, in una di queste, ci sono stati 42 superamenti».

Il rappresentante dell'associazione non vuole puntare l'indice sul Comune, ma ha evidenziato: «Rispettiamo quello che stanno facendo, ma forse servirebbero ulteriori interventi». Sul tavolo del Comune sono pronti nuovi interventi contro lo smog, ma Bandera ha ricordato quanto sia forte l'incidenza del meteo: «Il blocco del traffico incide relativamente, l'aria si pulisce quando piove o c'è vento».

Leggi di più su L'Eco di Bergamo di venerdì 11 marzo

m.sanfilippo

© riproduzione riservata