Martedì 29 Marzo 2011

Pedemontana: espropriati?
Ecco i 10 consigli di Aptudes

In tema di espropri per la realizzazione della Pdemontana, «colpisce l'assoluta disinformazione sia in tema di diritti dei proprietari sia in tema di procedure da seguire per tutelarsi a fronte dell'esproprio». Così l'associazione Aptudes propone 10 consigli.

Dopo l'incontro pubblico del 25 febbraio a Lomazzo e i numerosi articoli apparsi sui giornali locali nei giorni seguenti - si legge in un comunicato - l'associazione Aptudes – tutela Espropri lancia ora la campagna dal titolo «10 diritti e 10 consigli ai proprietari espropriati da Pedemontana».

«Abbiamo in questo ultimo mese incontrato numerosi cittadini soggetti ad esproprio ed abbiamo cercato di fare loro un po' di chiarezza. Le situazioni che abbiamo e che stiamo affrontando sono le più disparate, da persone a cui viene demolita la casa, che ovviamente molto preoccupati, si sono rivolti a noi, a coltivatori privati di porzione del loro campo e quindi della loro fonte di reddito». È quanto spiega l'avvocato Corrado Brancati vicepresidente dell'associazione.

«Ciò che tuttavia più colpisce è l'assoluta disinformazione sia in tema di diritti dei proprietari sia in tema di procedure da seguire per tutelarsi a fronte dell'esproprio. La gente che ci chiama e che ci viene a trovare è spaesata, si sente impotente e talvolta è addirittura disperata. Il messaggio da dare però e che se si seguono le procedure di legge e si agisce tempestivamente è possibile difendersi ed avere un ristoro praticamente integrale del danno che si subisce. È per questo che oltre a rilanciare il nostro numero di telefono informativo, lo 031.263096, disponibile per informazioni e per chiedere appuntamenti personali e gratuiti, lanciamo ora la campagna dedicata ai diritti e ai consigli».

«Teniamo a chiarire - avverte l'avvocato Russo vicedirettore espropri - che in nessun modo consigliamo una sorta di fai da te ai proprietari. L'assistenza professionale qualificata è indispensabile in procedure così complicate. Tuttavia è bene che i proprietari possano avere nozioni più precise sui loro diritti: solo così riusciranno a vincere quella sensazione di impotenza che spesso è la causa di gravi danni».

Nell'allegato il testo con tutti i consigli

r.clemente

© riproduzione riservata