Lunedì 02 Maggio 2011

Il Tram «viaggia» a pieno ritmo
Ora si pensa alla Val Brembana

Il tram compie due anni: il 24 aprile 2009 la linea T1 Bergamo-Albino veniva inaugurata entrando a pieno titolo nella vita dei bergamaschi che ogni giorno lo utilizzano per muoversi lungo la direttrice della Valle Seriana. Il bilancio, secondo Teb, è positivo: dal primo compleanno della tramvia, festeggiato nell'aprile 2010 con il risultato dei 2.300.000 passeggeri trasportati (circa 10.000 passeggeri al giorno nei feriali scolastici), oggi le candeline vengono spente con il raggiungimento di 5.600.000 passeggeri, mantenendo come media standard circa 300 mila passeggeri al mese durante il periodo scolastico (12.000 passeggeri al giorno nei feriali scolastici, 7.000 passeggeri al giorno nei feriali non scolastici e 4.000 passeggeri al giorno nei festivi) con punte massime nel mese di novembre e fisiologici cali durante il periodo estivo. Nel corso del 2010 i passeggeri sono quindi risultati oltre 3.260.000. Alto anche il tasso di puntualità, con il 99% delle corse giunte a destinazione entro i 5 minuti di ritardo.

RISPETTO DELL'AMBIENTE

Un mezzo, quello del tram, che punta anche all'ambiente: lo dimostrano i dati sulle emissioni di agenti inquinanti e sul traffico veicolare privato che risultano ridotti rispetto al 2009. Secondo recenti indagini di customer sono stati stimati circa 600 nuovi utilizzatori del mezzo pubblico con una riduzione di circa 2,3 milioni km/annui di traffico veicolare privato. Significa che il 12,5% di nuovi passeggeri che oggi utilizzano il tram prima si spostavano abitualmente in macchina.

«TARIFFE INTEGRATE»
«Dal punto di vista tariffario si è perseguito l'obiettivo della massima integrazione possibile con i sistemi esistenti - spiegano poi da Teb -. Lungo la tramvia si viaggia con i documenti di viaggio emessi da Atb e Sab, validi per le relazioni che comprendono un tratto di tramvia. Da aprile 2010, acquistare i biglietti utili per viaggiare lungo e oltre la linea T1 è diventato ancora più facile: sono state attivate tutte le 16 emettitrici automatiche installate lungo la linea T1 Bergamo-Albino che permettono di scegliere la partenza e la destinazione del viaggio acquistando i biglietti del sistema tariffario Atb e Sab».

LA LINEA T1 BERGAMO-ALBINO, ECCO COME E' NATA

Il tracciato della Linea metrotramviaria T1 è lungo 12,5 Km da Bergamo ad Albino, con un numero complessivo di 16 fermate. La metrotramvia attraversa 6 Comuni e interessa una popolazione di oltre 220.000 abitanti. Il progetto ha avuto alla base il riutilizzo del sedime delle ex "Ferrovie delle Valli" che fino alla metà degli anni ‘60 collegavano Bergamo con le Valli bergamasche, Seriana e Brembana. All'inaugurazione dell'opera, il 24 aprile 2009, sono seguite 3 principali fasi di esercizio. La prima, quella di attivazione, dal 27 aprile 2009 al 10 giugno 2009 sulla tratta Bergamo - Alzano Centro e con una frequenza di 15 minuti per direzione nell'ora di punta e ogni 30 minuti in orario di morbida. Circa 70 corse giorno (circa 35 per direzione) e 16.500 posti offerti totali al giorno. La seconda, dal 10 giugno 2009 al 13 settembre 2009, con l'estensione del servizio fino ad Albino. La frequenza è rimasta invariata, le corse sono aumentate ad 80 al giorno (40 per direzione) e i posti totali offerti sono aumentati a 19.000. La terza, dal 14 settembre 2009, con l'inizio dell'Anno Scolastico, l'esercizio è a regime. La frequenza giornaliera è di un tram ogni 15 minuti per direzione e ogni 7/8 minuti nelle ore di punta, con circa 140 corse giorno (70 per direzione) e 33.500 posti offerti al giorno. Dal 27 aprile 2011 il servizio relativo all'orario invernale, prevede nei giorni feriali scolastici un tram ogni 15 minuti nell'ora di morbida e un tram ogni 10 minuti, con intensificazioni fino a 6 minuti, nelle ore di punta. Nei giorni festivi il cadenzamento è di una corsa ogni 30' per tutta la giornata. Le corse sono circa 142 al giorno (71 per direzione) da lunedì a venerdì, orario feriale scolastico, 58 corse nei giorni festivi (28-30 per direzione) con un totale di 33.500 posti offerti al giorno. L'arco di servizio nei giorni lavorativi si estende dalle 6.00 alle 21.30.

SCENARI FUTURI
La linea rappresenta la prima parte di un sistema più complesso e integrato che include la linea T2 Bergamo-Villa d'Almè in Valle Brembana; in prospettiva la linea cittadina T3 via Corridoni - nuovo ospedale Papa Giovanni XXIII; la realizzazione del collegamento ferroviario fra la città e l'Aeroporto di Orio al Serio e le potenzialità di sviluppo di un sistema «tram-train» sulla rete ferroviaria locale. In particolare il tracciato della linea T2 (tratta Bergamo/San Fermo – Villa d'Almè) avrà una lunghezza totale di Km. 9,238 con un numero complessivo di 13 fermate, compresa la stazione di arrivo (S. Caterina, Reggiani, Stadio, De Gasperi, Crocefisso, S. Antonio, Pontesecco, Ponteranica, Ramera, Petosino, Paladina, Almè e Villa d'Almè). Sono previste 11 vetture tramviarie di cui 7 posizionate nel deposito di Ranica e 4 alla stazione di arrivo di Villa d'Almè in un deposito coperto predisposto per il rimessaggio, la pulizia e la manutenzione leggera dei mezzi. I costi d'investimento sono di € 142.540.432,00 (compreso il materiale rotabile).

fa.tinaglia

© riproduzione riservata