Sabato 11 Giugno 2011

«Ha palpeggiato le cameriere»
Barista di Alzano va a giudizio

Un boliviano di 49 anni, gestore di un bar ad Alzano, è stato rinviato a giudizio con l'accusa di aver molestato due minorenni, assunte in prova come cameriere nel suo locale. I due episodi di cui deve rispondere - e che gli sono fruttati l'accusa di violenza sessuale su minore - sarebbero accaduti nel giro di pochi giorni nel maggio del 2008. Due le presunte vittime, entrambe diciassettenni bergamasche.

Il primo episodio il 12 maggio nel retro del locale. Il sudamericano, secondo le contestazioni, mentre la ragazza stava imbottendo dei panini, l'avrebbe abbracciata, spinta contro il muro e baciata sulle guance. Il secondo il 15 maggio, quattro giorni prima che la presunta vittima compisse 18 anni, sempre nel retro. Per l'accusa, il boliviano avrebbe abbracciato la diciassettenne - senza il suo consenso -, baciata sulla bocca, sul collo e sulle guance, e le avrebbe toccato il sedere. Entrambe lo avevano denunciato.

Venerdì 10 giugno, davanti al gup Raffaella Mascarino, il difensore, l'avvocato Simona Ruggeri, ha chiesto il non luogo a procedere basandosi anche sulle dichiarazioni del suo assistito. Il quale aveva raccontato che nel locale c'era anche sua moglie e dunque sarebbe stato davvero un azzardo compiere quegli approcci. Il gup ha però accolto la richiesta di rinvio a giudizio del pm.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata