Val Cavallina, tempo di caldarroste
Ma le castagne arrivano da Avellino

Cinipide nemico numero uno dell'autunno. Quest'anno l'insetto arrivato dalla Cina ha fatto danni ovunque, mandando in sofferenza i castagni che non sono così riusciti a produrre frutti. Caldarroste a rischio? Macchè, arrivano da Avellino.

Val Cavallina, tempo di caldarroste Ma le castagne arrivano da Avellino

Cinipide nemico numero uno dell'autunno. Quest'anno l'insetto arrivato dalla Cina ha fatto danni ovunque, mandando in sofferenza molti castagni che non sono così riusciti a produrre i loro frutti. Non molti, almeno. Inoltre questi sono di bassa qualità, ci sono castagne a volte marce, piccole o addirittura il riccio non contiene castagne.

Pur di non rinunciare a quello che è considerato un po' da tutti l'appuntamento irrinunciabile per l'autunno, il ritrovarsi intorno a una grata scoppiettante di caldarroste, i vari gruppi e associazioni della Valle Cavallina sono dovuti ricorrere alle castagne del Sud, che così invaderanno le tavolate delle varie sagre in programma.

A Casazza i volontari hanno ben presto rinunciato a setacciare i boschi della zona e si sono subito rivolti ai castagneti di Avellino: «Quest'anno proprio le castagne non si trovano – spiega Anselmo Terzi, uno dei referenti dell'associazione "Vivi il tuo paese" –: abbiamo provato ad andare nei boschi, di solito raccogliamo castagne sopra San Felice al lago, ma stavolta niente, poche castagne e quelle che trovavamo erano piccole o marce».

«Domenica scorsa sono arrivate le castagne importate dalla provincia di Avellino – aggiunge Terzi –, ben 650 chili da dividere nelle varie manifestazioni. Un po' le abbiamo cucinate in oratorio, un po' alla gara di ciclismo "Pedalando con i campioni", 250 chili li useremo domenica per Castanea e altri 100 chili li abbiamo usati all'asilo. Per fortuna siamo riusciti a spuntare un ottimo prezzo, 2,9 euro al chilogrammo e siamo riusciti a ripiegare al problema del cinipide in questo modo. Così se gli altri anni le castagne erano nostrane, quest'anno ci mangeremo le castagne del Sud».

Leggi di più su L'Eco di Bergamo oggi in edicola

© RIPRODUZIONE RISERVATA