Giovedì 01 Dicembre 2011

Esplosione a Lallio: lunedì
l'assemblea per i risarcimenti

L'amministrazione comunale di Lallio incontrerà la cittadinanza lunedì prossimo, 5 dicembre (alle ore 20,30 presso l'auditorium di via Locatelli) per affrontare il problema dei danni provocati dall'esplosione che venerdì scorso ha devastato la cartiera Cama, causando anche la morte dell'operaio Rosario Spampinato.

Nell'occasione, un vademecum molto dettagliato sarà distribuito a quanti hanno subito danni alle proprie abitazioni o autovetture: una raccolta di linee guida che bisognerà seguire per dare il via alla richiesta di risarcimento. «È necessario informare la gente che ha subito dei danni in modo più chiaro possibile – spiega il sindaco di Lallio, Massimo Mastromattei – in modo da poter sveltire anche tutta la procedura di apertura della pratica di risarcimento, evitando che il passaparola possa finire per creare confusione». <+titolino>Il futuro della Cama <+tondo><+togli_rientro>«Ho avuto un incontro nei giorni scorsi con la proprietà Cama – prosegue il primo cittadino – per definire i criteri e i modi con cui bisognerà chiedere i risarcimenti». Non è escluso che all'assemblea pubblica di lunedì partecipi anche un rappresentante della cartiera Cama o un tecnico dell'assicurazione della stessa società. Da una prima lettura del documento che sarà distribuito, emerge la necessità di tenere in considerazione diversi fattori nel presentare la domanda di risarcimento: bisognerà ad esempio distinguere se si tratta di un'abitazione che già ha una propria assicurazione, se non ce l'ha oppure se, infine, si trova in un condominio coperto da una polizza assicurativa ad hoc. <+tondo>Già dalla mattinata di ieri, numerosi cittadini si sono recati agli uffici comunali di Lallio per ricevere informazioni dettagliate e sapere come comportarsi per procedere alla richiesta di risarcimento. Nel frattempo, Mastromattei ricorda che «immagini, eventuali perizie e preventivi dovranno essere conservati e allegati successivamente all'istanza di risarcimento. Maggiori dettagli tecnici verranno comunque sviluppati ed approfonditi lunedì sera in occasione dell'assemblea pubblica». Tra la cittadinanza intanto c'è chi si manifesta fiducioso per quanto riguarda le sorti della cartiera in via delle Rose, ma numerosi sono anche quanti cominciano a chiedersi se la Cama tornerà funzionante al cento per cento e se, soprattutto, l'amministrazione permetterà ancora che un impianto di quelle dimensioni possa continuare a operare in quell'aria o se non sia invece necessario adottare ulteriori misure di sicurezza.<+firma_coda><+copyright>

m.sanfilippo

© riproduzione riservata