Mercoledì 14 Marzo 2012

Il Comune e le dichiarazioni di Locatelli:
«Da Moro professionalità e correttezza»

«L'argomento in discussione è di grande importanza perché l'onestà è un dovere assoluto per tutti i cittadini e ancor di più per i pubblici amministratori». Così il sindaco e la Giunta di Bergamo dopo la notizia secondo la quale sarebbe Marcello Moro il politico tirato in causa da Pierluca Locatelli per una presunta tangente.

«Per questo - si legge in un comunicato stampa - riteniamo che sia assolutamente necessario acquisire al più presto la reale conoscenza dei fatti e frattanto sia doverosa la prudenza. Ciò anche perché al momento non ci sono pronunciamenti da parte della magistratura».

«Auspichiamo vivamente - proseguono sindaco e Giunta di Palazzo Frizzoni - che venga accertata la totale estraneità dell'assessore a quanto imputatogli, come da lui fortemente sostenuto. Diamo doverosamente atto che gli oltre due anni di lavoro quale assessore del Comune di Bergamo al Personale e all'Innovazione tecnologica sono stati caratterizzati da professionalità e correttezza».

«Attendiamo con fiducia - si conclude il comunicato - l'esito del lavoro dell'autorità giudiziaria, che auspichiamo fortemente venga concluso in tempi brevi».

r.clemente

© riproduzione riservata