Martedì 20 Marzo 2012

Il Wwf e la raccolta delle pile:
nel progetto c'è anche Bergamo

Anche a Bergamo arriva la campagna che il Wwf Italia ha lanciato nelle scuole sul tema del riciclaggio delle pile. Nella nostra città le scuole coinvolte saranno le primarie della Cavezzali, della Pascoli e della Ghisleri. In Italia coinvolte anche Mantova, Ravenna, Arezzo, Macerata e Latina.

Sono 7.500 studenti interessati dall'iniziativa e 1.000 gli insegnanti di 18 scuole: lo scopo è di ridurre l'utilizzo delle pile attraverso l'uso di batterie ricaricabili e di diffondere la cultura dello smaltimento corretto di quelle non ricaricabili.

Consigli che le scuole sperimenteranno direttamente nei prossimi mesi grazie al progetto «Impariamo in aula come comportarci con le pile e gli accumulatori portatili», realizzato da ERP (European Recycling Platform), WWF Ricerche e Progetti e WWF Italia.

Sono previsti laboratori, pubblicazioni didattiche e il supporto di educatori: l'obiettivo è di sensibilizzare non solo gli studenti ma anche le loro famiglie. Tina Stilo è il personaggio a fumetti, tratto dalla Squadra del Riciclo ERP e prestato per il progetto, che guiderà gli studenti alla scoperta del mondo delle pile, come sono fatte, quali materie contengono, l'inquinamento che deriva da uno smaltimento non corretto, come e dove smaltirle correttamente.

A conclusione del progetto tutte le classi saranno coinvolte in un «Mese di raccolta straordinaria». A maggio ciascuna scuola parteciperà a un'operazione di raccolta straordinaria delle pile esauste. A conclusione del periodo di raccolta verrà realizzata una giornata in cui verranno pesati i raccoglitori di pile. La scuola vincitrice, che ne avrà raccolto un maggior numero, riceverà in premio una visita guidata per due classi in un Oasi WWF, offerta da ERP. ERP (European Recycling Platform).

r.clemente

© riproduzione riservata