Lunedì 11 Giugno 2012

Casa invasa dagli scarafaggi:
Cisano: «Il Comune ci aiuti»

Salve, sono Giovanna,residente a Cisano Bergamasco.


«Vi scrivo per rendervi partecipi del problema che abbiamo ogni anno da aprile a ottobre... gli scarafaggi». È molto preoccupata la lettera di Giovanna, che ci ha scritto da Cisano Bergamasco. E lancia un appello al Comune: «Aiutateci» Giovanna si era già mossa l'anno scorso: ma dal Comune era arrivata la risposta «che non credevano il problema fosse cosi grande...»

«Beh, questa notte all'una e trenta - prosegue il suo racconto - sono uscita per provare a fare delle foto particolari in notturna con la mia reflex e vi dico solo che ero circondata... Erano appesi al  balcone del piano superiore, alle pareti esterne, nel vano caldaia: ne ho contati ben 21 (ma ho dovuto fare un grande sforzo per restare li ferma a contarli mentre li vedevo muoversi..).

Cosi sono rientrata e ho svuotato un intera bomboletta di insetticida, sentendo distintamente il rumore delle loro zampe che si muovevano sui muri e di quelli che cadevano moribondi...

Stamattina il mio compagno non credeva ai suoi occhi: per terra c'erano tutti gli scarafaggi mezzi vivi, mezzi morti per via dell insetticida... Erano davvero ovunque...

Altro che i 21 che avevo contato qualche ora prima.... una volta scopati insieme tutti quanti erano quasi ottanta: in una sola sera. In casa trovo scarafaggi morti, e ogni mese spendiamo 20 euro solamente per i diffusori antiinsetti, più il costo delle bombolette insetticida».

«È una cosa schifosa: vi preghiamo di sollevare il problema, non si può continuare così, viviamo in una cittadina, non in una baraccopoli.
Vorrei sapere perché chi di dovere non fa qualcosa, forse perchè a casa sua non ci sono scarafaggi che si attaccano alle tende, o che corrono a nascondersi sotto i mobili».

r.clemente

© riproduzione riservata