Giovedì 14 Giugno 2012

Servizi per la disabilità:
un incontro al Polaresco

Venerdì 15 giugno dalle 9 alle 13 all'auditorium del Polaresco, i servizi per la disabilità del Comune di Bergamo si incontrano con le famiglie.
In questi anni il tema del progetto di vita della persona disabile ha profondamente interrogato le  istituzioni, le famiglie e la città chiedendo di ripensare i servizi mettendo al centro del sistema di risposte ai bisogni, la persona, la famiglia e le proprie reti sociali.

I servizi si sono messi in cammino in un percorso di rivisitazione coinvolgendo le famiglie e soprattutto il contesto territoriale in un'ottica di corresponsabilità sociale che chiede a ciascuno di farsi carico di un pezzo del percorso delle persone che ci stanno accanto.

La risposta delle famiglie, dei servizi e del contesto sociale c'è stata e si è intrecciata facendo scaturire una ricchezza di opportunità di inclusione sociale che ha visto tutti coinvolti; le famiglie che cominciano ad intravedere altro al di fuori dei servizi e i territori che si fanno accoglienti generando una matura capacità di farsi carico di una responsabilità più diffusa nei confronti dei propri cittadini.

Questi risultati e le azioni che hanno permesso di generare questi cambiamenti, verranno presentati e discussi venerdì con le famiglie che sono le artefici principali di queste evoluzioni perché per prime le hanno richieste con forza e perché sono inevitabilmente coinvolte nello sforzo di essere, con i servizi, il tramite dell'incontro dei figli con il contesto del quartiere di appartenenza e più in generale della città.

Il seminario sarà l'occasione di raccontare a più voci, gli operatori dei servizi, le famiglie, le associazioni, i cittadini, quanto si è fatto e quanto si intende fare nel prossimo futuro, raccogliendo le proposte e i suggerimenti che tutti, soprattutto le famiglie, vorranno portare consci che soltanto attraverso un riconoscimento reciproco dell'indispensabilità di tutte le componenti potremo generare una qualità della risposta ai bisogni migliore per costruire un altro tassello reale in una “Bergamo Città della Famiglia”.

r.clemente

© riproduzione riservata