Domenica 24 Giugno 2012

Pedrengo, tutto il paese ha paura
Erika: «Non so se tornerò a casa»

Erika ha gli occhi lucidi e si stringe con le braccia. Nelle sue parole il terrore si fonde alla tristezza e alla preoccupazione per il fratello Marco Bergamelli, ancora grave in ospedale dopo che un ladro lo ha ferito durante un tentativo di furto. «Ho paura e non so quando riuscirò a tornare a dormire in questa casa», dice la ragazza.

Per ora si è trasferita dallo zio: «Ma credo passerà molto tempo prima che io e Marco riusciremo a tornare qui. Ieri notte non ho dormito e ho chiuso tutte le finestre. Sono ancora sconvolta e ho paura di tutto e di tutti».

Intanto a Pedrengo, tra le case di via Angelo Maj la tensione è alta. È passata solo una notte da quando Marco ed Erika Bergamelli hanno subito l'aggressione del presunto ladro intenzionato ad introdursi nella loro abitazione. Tra i residenti della via la paura è diffusa.

Il timore di essere non solo derubati, ma soprattutto di subire violenza è forte. «Questa vicenda ha sconvolto un po' tutti. I nostri vicini - racconta una mamma - avevano solo una finestra aperta perché faceva caldo, una cosa normale, che fanno tutti. Per questo c'è tanta paura e anche se siamo attrezzati dal punto di vista della sicurezza, questa notte abbiamo fatto fatica a dormire».

Le indagini proseguono e i carabinieri hanno raccolto le tracce lasciate dal ladro: anche un cappellino perso, con alcuni capelli che contengono il suo dna. Quando lo prenderanno sarà difficile farla franca.


Leggi tutto su L'Eco di Bergamo del 24 giugno

r.clemente

© riproduzione riservata