Venerdì 06 Luglio 2012

Per la Mai anche aiuti concreti:
magari un ponteggio e materiali

Nel giro di poche settimane sarà pronto il progetto «preciso e quantificato» per il recupero della biblioteca Mai di Città Alta, dove rischiano di crollare le antiche volte. Ma il sindaco di Bergamo ha già voluto ringraziare chi si è fatto avanti per dare una mano.

E contestualmente ha rilanciato l'appello, invitando chi può a farsi avanti: si cercano, insomma, sponsor fra le imprese, le istituzioni e anche fra la gente comuna che ha a cuore la storia e la cultura della nostra città. Può anche essere un aiuto diretto: non sono utili solo fondi, ma - per fare un esempio - un'impresa potrebbe semplicemente mettere a disposizione i ponteggi oppure i materiali necessari.

Il grande amore per la città, e per la biblioteca Mai in particolare, è già stato dimostrato dai molti che si sono fatti avanti: banche, imprese, l'Università attraverso il suo rettore; e poi personaggi e istituzioni come il cartoonist Bruno Bozzetto, gli scienziati Silvio Garattini e Giuseppe Remuzzi, il Fai, il pittore Mario Donizetti, il fotografo Pepi Merisio, il regista Ermanno Olmi, Nando Pagnoncelli di Ipsos, la fondazione Bernareggi e tanti altri.

Ecco il testo della lettera firmata da Franco Tentorio:

A tutti coloro che hanno volontà
di collaborare al recupero della biblioteca Mai


L'intervento di recupero della struttura interna, della facciata e degli impianti e degli infissi della biblioteca Angelo Mai, tesoro della città che ospita una biblioteca di inestimabile valore, ha suscitato molta partecipazione nella Comunità bergamasca.

Tra le varie persone che hanno manifestato la loro attenzione e la loro disponibilità alla collaborazione, mi ha fatto molto piacere leggere il Suo nome. Assicuro che l'Amministrazione comunale intende predisporre nel giro di poche settimane un progetto preciso e quantificato, in grado di risolvere integralmente il problema.

Con questi determinanti elementi tecnici a disposizione, troveremo modo di informare la gente bergamasca ed in particolare Lei, che fin da ora ringraziamo sia per l'attenzione che per quanto potrà fare.
A presto
Cordiali saluti
Franco Tentorio

r.clemente

© riproduzione riservata