Martedì 31 Luglio 2012

Terreni e immobili dei «Riuniti»
A vuoto un'asta da 6,4 milioni

Nessuna offerta, nessuna vendita. È andata deserta - per la seconda volta tra il 2011 e il 2012 - l'asta pubblica bandita dagli Ospedali Riuniti di Bergamo per la vendita di alcuni immobili e terreni, a Bergamo e provincia, frutto di lasciti e donazioni.

I Riuniti puntavano a «monetizzare» i lasciti per finanziare l'attività ospedaliera, ma nessuna offerta è stata presentata. E quindi, probabilmente prima dell'inverno, verrà bandita un'altra asta pubblica, sempre sulla stessa base della precedente. La vendita pubblica che prevedeva l'apertura delle offerte in largo Barozzi, riguardava 9 lotti (ogni offerta doveva riguardare un singolo lotto), per terreni e fabbricati a Levate, Dalmine, Credaro, Bergamo, Clusone, Bagnatica e Calcinate. E il valore complessivo di tutti e 9 i lotti non era proprio indifferente: oltre 6 milioni e 400 mila euro.

L'intento dell'Azienda Riuniti, qualora l'asta avesse avuto successo era quello di finanziare reparti e unità dell'ospedale con gli introiti di vendita. Ma il mercato immobiliare è in crisi, si dovrà dunque ritentare, nella speranza che l'asta per la vendita dell'attuale sede degli Ospedali Riuniti non subisca la stessa sorte.

Leggi di più su L'Eco in edicola martedì 31 luglio

a.ceresoli

© riproduzione riservata