Domenica 12 Agosto 2012

Vieste, annega bimbo di 5 anni:
è stato travolto dalla corrente

Un bambino russo di cinque anni, adottato da una famiglia di Romano di Lombardia e in vacanza a Vieste, è morto annegato nelle acque agitate del lungomare Enrico Mattei all'altezza del villaggio Arcobaleno, struttura dove soggiornava con i genitori dai quali era stato perso di vista.

Ale, 5 anni, era figlio di Simona Strada, pediatra da più di dieci anni nella cittadina della Bassa. Sono stati alcuni ragazzi che facevano il bagno, a quanto si è appreso, a scorgerlo privo di sensi tra le onde, a circa 200 metri dal luogo in cui era scomparso. Lo hanno portato a riva, dove nel frattempo i genitori avevano dato l'allarme. Un medico presente in spiaggia ha cercato di rianimarlo praticandogli un massaggio cardiaco ma la procedura è stata vana.

La tragedia si è consumata poco dopo mezzogiorno. Stando alle informazioni, il piccolo si sarebbe allontanato dai genitori senza che loro se ne accorgessero. Pochi minuti, purtroppo fatali. Dopo i primi soccorsi è giunto sul posto il personale del 118. I tentativi di rianimare il piccolo sono durati più di mezz'ora. Tutto purtroppo è stato inutile.

La famiglia era partita sabato per le vacanze estive e si era sistemata in un villaggio turistico a pochi metri dalla caratteristica spiaggia Scialara di Vieste con il suo faraglione. Una vacanza tutti insieme - papà, mamma e due bimbi - che però si è trasformata in tragedia.

Il vento di Tramontana si è portato via in poco tempo infatti il corpicino di Ale: stava giocando tra le acque sotto lo sguardo dei genitori. Insidiosa, in quel punto la corrente del mare: solo 24 ore prima infatti era morto annegato anche un turista di Lecco.

Leggi di più su L'Eco di Bergamo del 13 agosto

r.clemente

© riproduzione riservata